Il formichiere nano: uno strano animale di cui si sa ancora poco

26 maggio, 2020
Il formichiere nano è un animale dall'aspetto buffo che vive in America Centrale e Meridionale.
 

Il formichiere nano è un animale endemico dell’America centrale e meridionale e appartiene al genere dei Cyclopes. In questo articolo vi diremo tutto ciò che bisogna sapere su questo particolare mammifero.

Le sette specie di formichiere

Fino a qualche anno fa si credeva che esistesse una sola specie di formichiere nano, il Cyclopes didactyla. Questo animale notturno era stato analizzato dal naturalista svedese Linneo nel 1758 durante le sue spedizioni in Sud e Centro America.

Per più di due secoli, tutti i biologi e ricercatori hanno accettato la teoria europea, fino a quando un lavoro svolto dall’Università di Minas Gerais in Brasile non ha cambiato tutto. Oggi si sa che non esiste una, bensì sette specie di formichiere pigmeo! Queste vivono tra il sud del Messico e la Bolivia settentrionale,  principalmente in Amazzonia.

Formichiere su un ramo

Sebbene non siano ancora disponibili molte informazioni sugli altri sei “cugini” della famiglia, le loro posizioni geografiche sono già state nominate e determinate:

1. Cyclopes dorsalis: vive in Messico, Colombia, Ecuador e America Centrale.

2. Cyclopes ida: può essere trovato in Colombia, Ecuador, Perù e Amazzonia.

 

3. Cyclopes catellus: vive nella foresta dell’Amazzonia e nella zona di Santa Cruz, in Bolivia.

4. Cyclopes rufus: il suo habitat si trova in Brasile e Bolivia.

5. Ciclopi Thomasi: può essere trovato in Bolivia, Brasile e Perù.

6. Cyclopes xinguensis: vive nel bacino del fiume Xingú, in Brasile.

Cyclopes didactylus, il primo formichiere nano

È la specie che ha dato il via alla scoperta del genere dei Cyclopes e che oggi è nota come formichiere nano per via delle sue dimensioni più ridotte rispetto ad altri vermilingua. Il formichiere nano ha anche diversi soprannomi nelle lingue indigene locali.

Il Cyclopes didactylus è originario del Sud America: il suo habitat sono i fiumi Orinoco, Negro, il Rio delle Amazzoni e Xingú. Può essere trovato nelle foreste della costa atlantica nei seguenti paesi: Brasile, Trinidad e Tobago, Venezuela e Guyana.

Per quanto riguarda le sue caratteristiche fisiche, vale la pena notare che il suo mantello è unico tra i mammiferi: setoso, giallo brunastro con riflessi dorati e con delle linee grigie ben marcate sulle gambe.

Caratteristiche del formichiere nano

A differenza delle altre specie di formichiere di grandi dimensioni, il formichiere nano non supera i 20 centimetri di altezza e i 600 grammi di peso. La coda è lunga quanto il corpo. Tuttavia, la relazione tra cranio e busto è maggiore rispetto ad altre specie.

 

È un animale solitario, con abitudini notturne e arboricole, poiché si muove tra i rami e le liane mentre si sostiene con le zampe posteriori e si muove con la sua coda prensile. Grazie agli artigli delle zampe anteriori, apre buchi nei tronchi e nei rami per poi introdurre la sua lingua lunga e appiccicosa, con la quale cattura il suo cibo principale: le formiche. Tuttavia, anche altri insetti possono far parte della sua dieta.

Quando si sente minacciato, il formichiere nano si erge sulle zampe posteriori e porta il suo corpo in avanti. Allo stesso tempo, alza le zampe anteriori e posiziona gli artigli affilati delle mani ai lati del viso, per mostrare quanto sia feroce.

Infine, per quanto riguarda le sue abitudini di riproduzione, si accoppia solo durante la stagione degli amori e insieme alla sua compagna cerca un buco tra gli alberi per costruire il nido. La gestazione dura circa tre mesi e da ogni parto nasce un solo cucciolo, che viene allevata insieme dalla coppia. Il maschio ha il compito di portare il cucciolo sulla schiena se devono muoversi attraverso la foresta.

Il formichiere nano è un animale davvero curioso di cui non si sa molto, ma che fa parte della ricca fauna della giungla e degli ecosistemi forestali dell’America centrale e meridionale.

 

del Valle Jerez, S., & Halloy, M. (2003). El oso hormiguero, Myrmecophaga tridactyla: Crecimiento e independización de una cría. Journal of Neotropical Mammalogy.