Okapi: un fossile vivente a metà tra una giraffa e una zebra

01 novembre, 2020
L'okapi è un mammifero che vive nelle foreste del Congo; ha i sensi dell'olfatto e dell'udito altamente sviluppati e si nutre di oltre 100 specie di piante, comprese molte velenose per l'uomo.

L’okapi è un mammifero molto singolare che vive nelle giungle del nord della Repubblica del Congo. Il suo nome scientifico è Okapia johnstoni.

Caratteristiche morfologiche

Nonostante sia il parente più stretto della giraffa e condivida molte delle sue caratteristiche morfologiche, l’okapi sembra più un cavallo. Il suo manto è di colore rossastro, tranne che sulle zampe posteriori, dove presenta delle strisce bianche e nere come quelle di una zebra.

Ha il collo allungato ed enormi orecchie appuntite, accanto alle quali, esattamente come le giraffe, ci sono due piccole corna apparentemente prive di una qualche funzione anatomica.

La lingua è di colore blu scuro e misura circa 30 centimetri, ossia è abbastanza lunga da consentirgli di pulirsi le orecchie con la punta.

I sensi dell’udito e dell’olfatto dell’okapi sono molto sviluppati, ma, a differenza delle giraffe, hanno la vista piuttosto debole.

Gli okapi sono animali molto calmi, timidi e sfuggenti, che hanno un comportamento per lo più solitario: vivono in coppia solo di tanto in tanto, o al massimo in piccoli gruppi familiari.

Una caratteristica distintiva degli okapi è che non fanno quasi mai dei versi. I cuccioli si sentono solo quando comunicano con le madri e gli adulti durante la stagione degli accoppiamenti.

Okapi che mangia.

Habitat e riproduzione dell’okapi

Gli okapi vivono nelle giungle e nelle foreste dove la vegetazione è molto fitta: ciò riduce le possibilità di essere visti dai loro predatori. Dato che vivono in aree estremamente difficili da penetrare per gli esseri umani, abbiamo a disposizione pochissime informazioni su questi mammiferi.

Allo stato brado, si trovano solo nelle foreste del Congo. In passato si stanziavano anche in Uganda, ma in seguito si sono estinti da quella zona. Tuttavia, in cattività l’okapi può essere trovato negli zoo di tutto il mondo.

Come tutti i mammiferi, devono raggiungere la maturità sessuale prima di riprodursi. Le femmine raggiungono la maturità a due anni, mentre i maschi a tre.

Durante la stagione riproduttiva, le femmine fanno dei versi simili ad un muggito per attirare i maschi e combattono per loro. Nonostante siano solitari, quando si accoppiano, gli okapi rimangono con il loro compagno per un lungo periodo di tempo.

Il periodo di gestazione è estremamente lungo. La gestazione di un okapi dura dai 14 ai 15 mesi, dopodiché nasce un solo cucciolo. Il peso dei giovani varia tra i 18 e i 20 chilogrammi.

Una caratteristica insolita di questo mammifero mezzo giraffa e mezzo zebra è che alla nascita non riconosce la madre. Se la madre muore, il cucciolo di okapi sopravvivere grazie alle cure di un’altra femmina. L’aspettativa di vita è di circa 30 anni.

Gli okapi si mimetizzano facilmente nelle fitte e inaccessibili foreste in cui vivono. Nonostante la loro grande capacità di passare inosservati, hanno un predatore naturale: il leopardo.

Okapi tra gli alberi.


Gli okapi sono a rischio di estinzione

Oltre ai predatori naturali, le organizzazioni per la conservazione degli animali hanno determinato altri fattori di rischio per la sicurezza di questa specie.

Uno dei più importanti è la riduzione del loro habitat. La crescita demografica delle popolazioni indigene circostanti provoca la deforestazione, creando così delle aree che siano abitabili per l’uomo. Ciò significa che il territorio abitato dagli okapi sta diventando sempre più piccolo. Per questo motivo sono costretti a spostarsi in luoghi non ideali per la loro evoluzione.

Come molti altri animali, gli okapi vengono cacciati per la loro pelliccia. Ci sono gruppi armati che si disperdono e si accampano nelle aree boschive a caccia di questo animale. Che si tratti di usare la pelliccia o mangiarne la carne, cacciarli costituisce un attentato alla vita di questo animale, considerato un fossile vivente.

Persino il lungo ed inefficace processo di riproduzione dell’okapi rappresenta di per sé un possibile pericolo di estinzione. Dopo 14 mesi di gestazione danno alla luce un solo cucciolo. Un tasso di natalità così basso significa che non possono compensare rapidamente le potenziali perdite subite da una mandria.

A causa dell’impenetrabilità del loro habitat, è impossibile sapere con certezza quanti esemplari ci siano attualmente. Tuttavia, è considerata una specie minacciata a causa delle piccole dimensioni della sua zona di distribuzione. Pertanto, deve essere preservata.

  • Franz, W.(1999).Journal of Zoo and Wildlife Medicine. American Association of Zoo Veterinarians
  • Patz, M.(1993).Fecal progestagen evaluations to monitor the estrous cycle and pregnancy in the okapi (Okapia johnstoni). Wiley-Liss, Inc.
  • Newby, J.(2009) Conservation of the Okapi Wildlife Reserve, Zaïre. USA. Fauna and Flora International