Fare le presentazioni tra bebè e animale domestico

Con l’arrivo di un nuovo membro della famiglia, bisogna fare attenzione a non far sì che il cane si senta rimpiazzato; se succede, potrebbe presentare comportamenti distruttivi o generare incidenti o malintesi facilmente evitabili con il nostro intervento e la nostra supervisione
Fare le presentazioni tra bebè e animale domestico

Ultimo aggiornamento: 03 maggio, 2018

Sono ancora molte le persone che abbandonano i loro animali o che cercano loro una nuova casa quando scoprono che arriverà un bambino in famiglia: queste persone forse non sanno che gli animali domestici sono degli ottimi compagni per i bambini. Siccome la prima impressione è la più importante, oggi vi spiegheremo come presentare il bebè al vostro animale.

Gli animali domestici già sanno che arriverà un bambino

Il primo dato da tenere a mente è che il vostro animale sa già che c’è un bambino in arrivo. Infatti, è risaputo come i cani capiscano se una donna è incinta prima ancora che lei stessa lo sappia.

Gli animali sono degli ottimi osservatori ed hanno una capacità olfattiva ben superiore a quella umana. Sia il vostro cane che il vostro gatto sanno che è in corso la gestazione di un bebè. Lo percepiscono nei cambiamenti ormonali che subisce il corpo della donna.

Pertanto, non è strettamente necessario presentare il bebè all’animale, poiché lui già sa che sta per arrivare una persona nuova in casa. Tuttavia, è buona cosa prendere alcune precauzioni affinché la nuova situazione di convivenza sia positiva per tutti.

cagnolina appoggiata su pancione di donna incinta

I cambiamenti legati all’arrivo del bebè

L’arrivo di un bebè rivoluzionerà la vita dei genitori, ma anche quella degli animali domestici, persino prima che il bambino nasca. Durante le ultime settimane prima del grande giorno, l’animale si abituerà ad essere sempre in compagnia in casa, così come ad essere portato più spesso fuori e a giocare.

Poi, d’improvviso, si ritroverà da solo in casa per lunghe ore mentre il resto della famiglia è in ospedale. Un cambiamento di questo tipo può generare grande stress e problemi di condotta, come comportamenti distruttivi o abbai eccessivi.

Per evitare che l’animale si senta solo per tanto tempo, una buona idea può essere quella di chiedere ad un amico o ad un membro della famiglia di andare a fargli visita. Se si tratta di un cane, qualcuno dovrà portarlo a passeggio e a giocare, oltre a garantire che svolga tutte le sue attività quotidiane.

Un altro consiglio può essere quello di implementare le norme della casa previste per quando arriverà il bambino: se prevedete di non permettere al cane di entrare nella stanza del bambino, dovrete insegnargli a restare fuori con almeno un paio di settimane in anticipo. In questo modo, il cambiamento sarà graduale e sarà più facile per lui imparare.

Precauzioni per fare le presentazioni tra bebè e bambino

Anche se il vostro animale sa che sta per arrivare un bebè in famiglia, non va trascurato il momento delle presentazioni. I cani e i gatti non dovrebbero voler fare del male ad un membro della famiglia, ma gli imprevisti potrebbero sempre presentarsi. Basta saperli prevenire.

bambino in spiaggia con cuccioli di bulldog

Per realizzare una presentazione in sicurezza, tenete conto dei seguenti consigli:

  • La presentazione deve avvenire in un momento tranquillo, senza eccitare l’animale e lasciando che si avvicini con i suoi tempi. Se è nervoso è più facile che succeda un incidente.
  • Se il vostro animale non vuole conoscere il bambino, lasciategli il suo spazio. Già sa che è arrivato un nuovo membro; non serve spingerlo affinché si avvicini.

Continuate a dare attenzione al vostro animale

Con tutte le attenzioni e il tempo che bisogna dedicare al bebè, può capitare che il tempo destinato all’animale si riduca. Tuttavia, gli animali hanno bisogno della nostra attenzione e di non perdere la loro routine giornaliera.

Anche se un bebè richiede molto tempo, assicuratevi che il vostro animale non venga trascurato. Giocate con il vostro gatto come facevate e non riducete le passeggiate insieme al cane. Chiedete il supporto di amici o familiari per assicurarvi che il vostro animale continui a godersi quei momenti.

Con tutti gli animali, anche non cani o felini, il consiglio è lo stesso: aiutateli a sentirsi amati e importanti. Se fallirete in questo aspetto, è probabile che l’animale cominci a presentare problemi di comportamento volti a richiamare la vostra attenzione: ricordate che è meglio dargli ciò di cui ha bisogno prima di dover arrivare al punto di sgridarlo.

bebè con cagnolino

Supervisionate sempre

Anche se l’animale si mostra affettuoso con il bebè e dimostra di averlo accolto con serenità, ricordate di supervisionare tutti i momenti che bebè e animale passano insieme. Potrebbero succedere degli incidenti o degli imprevisti facilmente prevenibili.

Molti gatti, per esempio, amano dormire al fianco dei bebè, e può capitare che si accoccolino sopra di loro o che li colpiscano con la coda senza volerlo. Qualcosa del genere può succedere con i cani, che potrebbero avvicinarsi al nuovo membro della famiglia e graffiarlo per errore o riempirlo di bava.

Anche quando il bambino cresce è sempre bene controllare i momenti di interazione con gli animali, per la sicurezza di tutti. Assicuratevi sempre che l’animale abbia una via di fuga se si sente soffocare e fate in modo che l’ambiente di casa sia rilassato, così che non si verifichino danni dovuti all’eccitazione dell’animale.

Gli animali sono consapevoli della gravidanza e riconoscono il nuovo membro della famiglia prima ancora che nasca. Ciò nonostante, quando presentate il bebè all’animale, dovrete sempre avere un occhio di riguardo e vigilare le interazioni tra tutti, onde evitare che si verifichino incidenti o imprevisti.

Potrebbe interessarti ...
Gatti e bambini: una convivenza positiva
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Gatti e bambini: una convivenza positiva

Costruire una convivenza perfetta tra gatti e bambini è possibile seguendo pochi semplici consigli che tengano conto delle esigenze di entrambi.